Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2018

#09 Dischi di settembre (con il ➒) ♋

Immagine
Ed eccoci al mese più bello dell'anno. Malinconico, colorato, profumato. Settembre è adatto per i dischi importanti, quelli che ti guidano per tutto il resto della fine dell'anno, per poi accompagnare l'inizio di quello nuovo. Dischi di confine, quindi, resi ancora più liminali dal loro essere del 1969, dunque aperti al salto verso l'ignoto, e quindi inclini a una carica o una malinconia ancora maggiore. Buon ascolto!
► 1969
Townes Van Zandt - Townes Van Zandt (Poppy)

Disco affascinante e delicato, quello del cantautore americano, qui al terzo lavoro. Sui solchi di quanto fatto da Bob Dylan, Jackson C. Frank, Eric Andersen e più in generale dalla nuova generazione di folkers americani, Van Zandt innesta un suo particolare approccio quieto e poetico impregnato di americana e country, riallacciandosi direttamente a gente come Hank Williams o Ernest Tubb, insomma a una tradizione profonda che sarebbe stata riadattata, tra la fine dei Sessanta e i primi Settanta, da Byrds,

#11 Dischi di novembre (con l'➑) ∞

Immagine
Pochi preamboli. Anche questa volta le annate passate in rassegna serbano grandi lavori, ognuno rappresentativo di approcci unici, innovativi, capaci di imprimere una grandissima personalità grazie ad album indimenticabili. Buon ascolto e buona fine di novembre!

► 1968
Pearls Before Swine - Balaklava (ESP)
Il fatto che un disco del genere esista è confortante. Un lavoro immerso in una patina eternamente démodé, quello di Tom Rapp, lontano da tutto quanto potesse risultare figo a fine anni Sessanta (e soprattutto nel '68, anno duro per eccellenza). E poi la sua pronuncia difettosa per colpa della zeppola, le atmosfere tenui e surrealiste nonostante il forte afflato antiguerresco, le scenografie di carta velina nonostante la forte carica politica (un po' come un Ivan della Mea meno bolscevico e più hippy, o meglio, come un Phil Ochs più psych-barocco e meno Greenwich Village).

Maggio torinese

Immagine
D’improvviso il lungo serpentone di persone accelerò con uno scatto repentino. Ci eravamo svegliati presto quella mattina, mentre Torino ancora sonnecchiava tiepida nella luce diffusa di quel maggio già proteso verso la stagione calda. Le motovedette della polizia scandagliavano ossessivamente il Po, scrutando i campeggiatori arrivati da tutta Europa per piantare le tende ai giardini Ginzburg, dove anche noi ci eravamo accampati per dar vita a una simbolica comunità resistente ed eco-sostenibile, facendo finta per qualche giorno di poter fare a meno dei comodi appartamentini in affitto mantenuti in discreta fatiscenza per studenti fuori sede. Dalle sponde si potevano ammirare i camminamenti dei Murazzi e la serie di ponti monumentali che collegano corso Moncalieri al centro, da piazza Vittorio al Valentino, fino a corso Dante. A raccordare le raggiere di sguardi la Mole, che come al solito svettava come un pennone nel cielo terso.

Recensione ► Francesca Michielin: "2640" (Sony, 2018)

Immagine
Perché quando si parla di mainstream, in Italia, non si parla mai di musica? Leggendo le varie interviste rilasciate dalla Michielin in giro per il web è difficile, se non difficilissimo, trovare domande riguardanti la materia prima di cui ci si dovrebbe occupare parlando di album, canzoni, suoni. Insomma, sappiamo che Francesca Michielin è andata in Bolivia e da questa esperienza ha tratto buona parte dell’ispirazione per il suo “2640”, sappiamo che ha coinvolto personaggi legati all’ondata italo indie degli ultimi anni (Calcutta, Tommaso Paradiso, Cosmo), ma che ha curato personalmente, coadiuvata dal produttore Michele Canova e dall’autore Dario Faini, la maggior parte dei brani. Sappiamo tante cose (la simbologia in copertina, l’impegno politico e sociale, la passione per la Formula 1), ma la curiosità sul come e perché di certi suoni, sulle fonti di ispirazione, sulle opinioni riguardo alla scena italiana, sulle peculiarità italiche dell’incontro tra indie e mainstream, sulla (d…