Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2018

Monsieur Tella

Immagine
Nater si è fatto fregare, quel coglione, e non è la prima volta, quel furto simulato gli è costato tre anni di gabbia e per cosa?, per una bomba manomessa Cristo santo, non pensavo che sarebbe andata a finire così ma certo sapevo che non si stava parlando di una gita al mare, o meglio al faro, un faro militare per giunta, proprio per non farsi mancare nulla oltre a gioielli, ricatti, macchine taroccate, soldi, soldi, soldi, come se a Gheddafi poi importasse davvero di questa faccenda, mandare due come noi, due qualunque, a far saltare un faro di cui non sarebbe fregato un cazzo a nessuno se non fosse stato della Marina, perché qui tutti i fari sono della Marina e ci si becca otto anni solo per questo, e poi c’è da considerare il trasporto clandestino di esplosivo, quello sì è un bel reato, il più grosso casino in cui mi sono ficcato dopo le mille cazzate che ho combinato (eravamo una bella coppia io e Jean-Louis, due furfanti con due palle così, dei figli di puttana davvero, in carce…

#7 Dischi di luglio (con l'➑) ∞

Immagine
A luglio probabilmente ero al mare. Sta di fatto che l'episodio di questo mese dei miei eights è monco del 2008: diversi dischi piacevoli, ma nulla degno di essere celebrato. Poco male, spendo comunque tante (troppe) parole per lavori meravigliosi che meritano la loro menzione d'onore.
► 1968
The Millennium - Begin (Columbia)
La storia del pop è da sempre una storia di produttori geniali: Phil Spector e Joe Meek, con il loro approccio futurista, Sam Phillips e il rock'n'roll, Don Kirshner e la sua scuderia Brill Building, Berry Gordy e la Motown, per non parlare del George Martin "quinto membro" dei Beatles. Il produttore definisce la visione, guida l'artista in maniera più o meno dittatoriale (oppure ne asseconda maieuticamente la personalità), definisce e struttura l'impostazione del suono, mette a fuoco un timbro, un marchio di fabbrica (si pensi a Steve Albini). 
Curt Boettcher va annoverato tra le più importanti figure del suo tempo (si parla di fi…