Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2018

#07 Dischi di luglio (con il ➒) ♋

Immagine
Che caldo, luglio. Però immaginatevi di essere in uno qualsiasi degli anni seguenti e di ascoltare per la prima volta uno a caso dei dischi proposti. Ci si dimentica del caldo per un attimo, vero?
Buon ascolto!
► 1969
Fairport Convention - Unhalfbricking (Island)
Gemma del british folk rock, Unhalfbricking è un po' il Blonde on Blonde inglese. A rendere più sensato il paragone (oltre ai vari pezzi scritti da Dylan), il fatto che la produzione sia stata curata da Joe Boyd, transfugo americano innamorato perso della Gran Bretagna di quegli anni, e in particolare intrigato dalla scena folk di Londra (proprio nel '64 conosce Dave Swarbrick, futuro membro dei Fairport). I legami americani non finiscono qui: Sandy Denny, entrata nel gruppo nel 1968, era l'ex fiamma del folker Jackson C. Frank, di cui era solita interpretare i brani nelle sue prime esibizioni, mentre il nucleo fondante dei Fairport era patito di gente come Eric Andersen e in generale della scena blues e folk a s…

#7 Dischi di luglio (con l'➑) ∞

Immagine
A luglio probabilmente ero al mare. Sta di fatto che l'episodio di questo mese dei miei eights è monco del 2008: diversi dischi piacevoli, ma nulla degno di essere celebrato. Poco male, spendo comunque tante (troppe) parole per lavori meravigliosi che meritano la loro menzione d'onore.
► 1968
The Millennium - Begin (Columbia)
La storia del pop è da sempre una storia di produttori geniali: Phil Spector e Joe Meek, con il loro approccio futurista, Sam Phillips e il rock'n'roll, Don Kirshner e la sua scuderia Brill Building, Berry Gordy e la Motown, per non parlare del George Martin "quinto membro" dei Beatles. Il produttore definisce la visione, guida l'artista in maniera più o meno dittatoriale (oppure ne asseconda maieuticamente la personalità), definisce e struttura l'impostazione del suono, mette a fuoco un timbro, un marchio di fabbrica (si pensi a Steve Albini). 
Curt Boettcher va annoverato tra le più importanti figure del suo tempo (si parla di fi…