Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2017

Marco Polo: la tempesta quieta di Flavio Giurato

Immagine
"Marco Polo" è un disco teorico: l'esploratore del "Milione" diventa, più che un uomo da raccontare con occhi da biografo, uno spunto di (auto)analisi, un'ipotesi da validare. Marco Polo è un problema. "Marco Polo" è un disco esoterico, anche: i significati sono celati da una sintassi frammentata ed ermetica, istintiva ed essenziale, condotta a colpi secchi di sensazioni/annotazioni giustapposte, senza particolari nessi logici. Allo stesso tempo, però, tutto sembra frutto di una profonda meditazione, di una prassi rigorosa. Fa specie, allora, pensare che un disco così ineffabile e astratto (sperimentale, quindi), sia stato "un disco fatto con l'industria, costato tantissimo con delle partecipazioni internazionali", come racconta Flavio Giurato intervistato da Fabio De Min. Un'industria che raramente ha accettato di avventurarsi in lidi tanto poco sicuri, di farsi carico di estremizzazioni sonore del calibro di quelle messe in a…

Musica sinfonica in discoteca. I Baustelle, l'amore e la violenza

Immagine
Tornati in studio a quattro anni di distanza dal magniloquente, esagerato, fastoso "Fantasma", i Baustelle trovano una più posata maniera collocandosi a metà strada tra la maturità autoriale di "Amen" e il synthpop giovanile de "La moda del lento".

In "L'amore e la violenza" Bianconi sembra abbandonare gli eccessi dei capitoli precedenti (anche "I mistici dell'Occidente" non scherzava), facendo a meno dei continui rimandi biblici/mitologici da crisi di mezza età, dell'ipertrofia testuale delle liriche, recuperando invece una sorta di estetica della banalità (si prenda un verso come "che sciocchezza la guerra", o il testo di "La vita") che ritrova l'espressività allusiva e velenosa degli esordi, tornando finalmente a bilanciare i due elementi costitutivi della canzone: più rilievo alla musica e ruolo maggiormente funzionale e accessorio del testo (ché nella musica pop le liriche servono a poco, giust…

"Nemmeno per la felicità". Il folk secondo Julie Byrne

Immagine
Ma che bravaJulie Byrne.  Nata a Buffalo ma da sempre in vagabondaggio lungo gli States, la giovane (26 anni) cantautrice fa un netto passo in avanti rispetto al precedente "Rooms With Walls and Windows", già capace di mettere in scena le caratteristiche che -debitamente perfezionate- fanno brillare il nuovo "Not Even Happiness", pubblicato dalla newyorkese Ba Da Bing! Records. Un senso dello spazio esteso, etereo, una matrice vaga dove ondeggiano e tremolano le chitarre acustiche, dove risuona la voce grave e melodiosa, che risente tanto di umori soul quanto di influenze folk. Se allora tutto questo era proposto in chiave free/pasticciata, oggi la creatura della Byrne sboccia e profuma.

Giovanni Lindo Ferretti: di forma e di sostanza

Immagine
Giovanni Lindo Ferretti è una presenza anomala e confortante. La storia è nota a tutti: passato dal punk al rock d'autore, è finito con l'incarnare la figura di mistico e devoto montagnardo, diventando oggetto di interesse più per il pensiero che per la musica.
Presenza anomala, dicevo, perché apparentemente contradditoria: il suo porsi come cattolico tradizionalista dopo anni di "punk filosovietico" ha scatenato la confusione e lo sconcerto in un pubblico abituato a concepire in senso poco elastico il rapporto dei musicisti con le loro idee politiche. La sconfessione dell'artista dopo dichiarazioni non in linea con le aspettative è uno sport nazionale: si pensi alle critiche mosse a Guccini dopo il suo supporto al Pd, o al villipendio di Benigni a causa di posizioni non approvate dal tribunale dell'ortodossia. E allora Ferretti come traditore, come fuori di testa, come poveraccio (ma capace, nonostante tutto, di affollare i concerti). Una presenza conforta…