#09 Dischi di settembre (con il ➒) ♋

Immagine
Ed eccoci al mese più bello dell'anno. Malinconico, colorato, profumato. Settembre è adatto per i dischi importanti, quelli che ti guidano per tutto il resto della fine dell'anno, per poi accompagnare l'inizio di quello nuovo. Dischi di confine, quindi, resi ancora più liminali dal loro essere del 1969, dunque aperti al salto verso l'ignoto, e quindi inclini a una carica o una malinconia ancora maggiore. Buon ascolto!
► 1969
Townes Van Zandt - Townes Van Zandt (Poppy)

Disco affascinante e delicato, quello del cantautore americano, qui al terzo lavoro. Sui solchi di quanto fatto da Bob Dylan, Jackson C. Frank, Eric Andersen e più in generale dalla nuova generazione di folkers americani, Van Zandt innesta un suo particolare approccio quieto e poetico impregnato di americana e country, riallacciandosi direttamente a gente come Hank Williams o Ernest Tubb, insomma a una tradizione profonda che sarebbe stata riadattata, tra la fine dei Sessanta e i primi Settanta, da Byrds,

Post-punk revival 2001-2005: la new wave del terzo millennio

Con post-punk revival, più che ad una vera e propria scena, ci si riferisce alla sensibilità stilistica comune a molte formazioni "indie" nate a cavallo tra gli anni '90 e 2000, tutte influenzate -più o meno direttamente- dalla new wave di fine anni Settanta. Television e Wire, Joy Division e Gang of Four, Talking Heads e Josef K.: questi i riferimenti delle band americane e britanniche (e non solo) riunite in questa playlist.

Commenti