#02 Dischi di febbraio (con il ➒) ♋

Immagine
Febbraio è stato un mese intenso. Infatti la puntata sui dischi di febbraio esce a marzo. Pronti, via!

► 1969

The Temptations - Cloud Nine (Gordy)

L'approdo dei Temptations alla psichedelia è più che un fatto circoscrivibile alla sola band (l'album sarà un successo, garantendo al gruppo da poco guidato dal frontman Dennis Edwards il primo Grammy Award). Da un lato, infatti, è tra i capolavori del produttore Norman Whitfield, nome imprescindibile per gli sviluppi della black music (e in particolare del suono Motown), che con "Cloud Nine" consolida la ricerca sonora intrapresa con la band a partire dal 1966 (sebbene il suo rapporto con il gruppo sia da far risalire al '64). Dall'altro è il segno di un fermento generale che, assieme agli episodi ben più radicali di Sly and The Family Stone e Funkadelic, farà fare un passo importantissimo all'R&B anni Settanta.

Tu sai di quest'aria & Ode alla tua bocca


Tu sai di quest'aria

Sai di quest'aria che si
appanna d'umidità
mentre spargi la tua
presenza delicata
dentro me, guardandomi

Potessimo scolorire
come i bordi della sera
perdendoci nell'orizzonte,
o scioglierci nel cielo
come nuvole...

Siamo presenze solide
su cui scivola il tempo

E tu sai di quest'aria
e trattieni il profumo
dell'erba bagnata, e
gravi sul mondo come
uno sbuffo di fumo

Siamo presenze vane
macchiate dal tempo

Ma tu stai,
sgomenta,
nella tua bellezza

Ode alla tua bocca

Mentre parli le parole bianche dei tuoi denti
la lingua s'inarca e guizza, rossa,
nel mare in tempesta della tua bocca
Sembra fendere le sillabe
e ordinare la trama del discorso
E se mi spingo un po' più in su
ecco i tuoi occhi
Ma ridi
e rieccomi tra le labbra che bruciano tese
incorniciando la tua allegria
con arcate carnose:
varchi invitanti al tuo umido cuore
cornici molli per le tue parole

Matteo Castello

Commenti